• Categoria dell'articolo:Blog

Maschere Cosmetiche

Le maschere Le maschere sono trattamenti cosmetici periodici appartenenti alla famiglia dei trattamenti urto. La prerogativa di queste formulazioni è…

Le maschere

Le maschere sono trattamenti cosmetici periodici appartenenti alla famiglia dei trattamenti urto. La prerogativa di queste formulazioni è la possibilità di veicolare una elevata concentrazione di attivi tale da non necessitare di una applicazione quotidiana bensì periodica. Le maschere sono estremamente apprezzate per il loro effetto intensivo e per la rapidità d’azione e le richieste sempre crescenti rivolte al farmacista ne sono la chiara dimostrazione. Notevoli infatti i risultati ottenuti con le maschere di nuova generazione efficaci nel trattamento di innumerevoli inestetismi e nella protezione e riparazione della cute.
Le maschere vengono classificate in base alla forma cosmetica con cui vengono allestite e alla sinergia di attivi, sempre più specifici e mirati per le tipologie cutanee, che veicolano e che rendono conto della effetto finale.
Ogni maschera deve essere formulata in funzione delle tipologie cutanee a cui è destinata e delle sinergie di attivi che contiene. Il mercato offre ormai una vasta gamma di opzioni, di prodotti cosmetici personalizzati in grado di soddisfare ogni esigenza del cliente.
Le maschere più recenti di fatto si prestano a qualsiasi percorso dermocosmetico.
La definizione di prodotto urto nasce dalla concentrazione di attivi superiore rispetto al prodotto cosmetico ad uso quotidiano, caratteristica questa che consente un utilizzo periodo, di media una volta settimana. Interessanti le nuove la maschere all’alginato costituita da un substrato di polveri di origine marina già note per le loro caratteristiche assorbenti e purificanti opportunamente veicolate. La maschera applicata sul viso e lasciata in posa per un tempo variabile va eliminata come film partendo dal collo verso la fronte. Il prodotto cosmetico all’alginato nasce dall’idea di creare un trattamento marino la cui formulazione fosse compatibile con ogni tipologia cutanea. L’alginato è un sale estratto dalle alghe brune di grandi dimensioni (Laminaria e Ascophillum) ricche anche di oligoelementi e iodio. È considerato un prodotto cosmetico all’avanguardia in virtù delle spiccate proprietà osmotiche e plastiche. Gli oligoelementi contenuti nella maschera migliorano il metabolismo cutaneo ottimizzando tutte le funzioni della pelle: tale formulazione consente difatto di rifornire la pelle di sostanze minerali, di lenire e detossificare. La trasformazione dell’alginato di sodio in alginato di calcio produce una diminuzione della temperatura cutanea con effetto tonificante e rassodante: ciò stimola la circolazione e induce vasocostrizione a livello periferico. Ciò si traduce in una migliore ossigenazione del tessuto ovvero un miglioramento del rifornimento di ossigeno per le cellule. Questo consente in ultimo la riattivazione delle funzioni cutanee e l’idratazione dei tessuti.
Se combinate con ossido di zinco e biopolimeri producono anche un ottimo effetto ammorbidente e purificante sulla pelle.
La maschera all’alginato è anche utile per potenziare l’assorbimento di qualsiasi attivo e ciò spiega la versatilità nell’utilizzo.
Numerose infatti le formulazioni a disposizione del farmacista.

Idratazione cutanea

Sono stati evidenziati ottimi risultati veicolando nella maschera acido jaluronico a basso peso molecolare in associazione a polipeptidi qual lisina/arginina capaci di richiamare acqua anche dagli strati più superficiali del derma. In questa maschera l’azione idratante ed anti-età è svolta dai principi attivi offre il grosso vantaggio di evitare le abituali elevate concentrazioni di glicerina che a lungo andare potrebbero risultare occlusive. L’azione idratante della maschera può essere completata con dermoceutici ad uso quotidiano a base di acido jaluronico, lisina/arginina e acido lattico.
Alcune maschere idratanti sfruttano inoltre l’azione benefica e lenitiva dell’acqua termale combinata con NMF (fattore di idratazione naturale) e oli essenziali :interessante e nuovo l’olio essenziale di cartamo tintorio. Circa il 45% dei semi di cartamo è composto da grassi, il 20% da proteine e il 33% da fibre. L’olio estratto da questi semi è ricchissimo di acido linoleico (omega 6) e ha una percentuale importate di acido oleico rispetto agli altri oli vegetali. È inoltre una preziosa fonte di vitamina C e vitamina K. Si intuisce come questi attivi abbiano una marcata azione idratante emolliente e riparatrice.
Altre maschere preferiscono sfruttare l’effetto lenitivo, riparatore ed emolliente di Aloe Barbarensis con tocoferolo (Vitamina E), phito-collagene, allantoina e pantenolo. Tale sinergia di attivi con rinomata e comprovata azione idratante, emolliente e lenitiva, si è dimostrata efficace su tipologie cutanee sensibili e cute irritata.
Altra interessante e innovativa combinazione con effetto decongestionante è quella che vede protagonisti il glicerofosfoinositolo sale di colina e aloe vera in elevate concentrazoni. Tale cosmeceutico vanta spiccate proprietà lenitive e restitutive ad un pH tale da ripristinare in tempi brevi il giusto equilibrio dell’epidermico soprattutto nel post-peeling. Il glicerofosfoinositolo (GPI) sale di colina infatti è un precursore della sintesi dei fosfolipidi di membrana. Il GPI si lega agli acidi grassi, in particolare all’acido arachidonico, precursore della sintesi di mediatori dell’infiammazione, ottenendo un effetto antiflogistico. Inoltre, la presenza nel GPI della colina, precursore della formazione delle ceramidi, consente un’azione ristrutturante della cute.
Di nuovissima generazione la maschera concepita per ottenere la biorivitalizzazione della cute grazie alla sinergia di idrossiacidi e vitamine A, C ed E.
Questa maschera è in grado di stimolare il metabolismo e di favorire il ricambio cellulare. Alla formula si unisce un complesso a base di galattosilfruttosio e lecitina, una combinazione di carboidrati e fosfolipidi che assicurano una idratazione più profonda e duratura. Non meno importante l’effetto elasticizzante che questa maschera in ultimo produce.
Vicina a questa concezione la sinergia di attivi volta ad ottenere un complesso multiminerale crono-energizzante che, stimolando il metabolismo cellulare ed apportando energia al DNA, agisce sulle prime rughe. Tale sinergia svolge peraltro una azione dermo-levigante. La sericina infatti in associazione con alcuni fitoestratti (mirtillo, canna da zucchero, arancia, limone) favorisce il tournover superficiale rinnovando l’epidermide. Tale prodotto è utile a tutte le tipologie cutanee.
Una nuova sinergia ad azione bio-attiva rigenerante ed emolliente vede come protagonisti acido jaluronico e vitamina E, estratto di gogj e rosa damascena con olio di mandorle dolci.
Le bacche di Goji sono un vero e proprio concentrato di antiossidanti, vitamine, sali minerali ed amminoacidi. Contengano più Beta-caratone delle carote, più ferro dei spinaci e più proteine dei cereali e ben 21 tracce di minerali. Le bacche di Goji contengono 18 aminoacidi, Vitamina E, e 500 volte la quantità di Vitamina C di quella contenuta nelle arance. Vitamine B1, B2 e B6 che facilitano la costruzione di nuove cellule, il metabolismo (e il funzionamento del sistema nervoso).
L’utilizzo della rosa nelle formulazioni cosmetiche è riconducibile ai benefici apportati alla pelle sensibile, secca, sottile, fragile e dalla scarsa idratazione. La rosa lenisce e disinfiamma, idrata e cicatrizza. È utile nella couperose del viso anche per le proprietà vasocostrittrici. Ottima nel riequilibrare la pelle asfittica e stressata, e per rassodare i tessuti. I princìpi attivi dell’olio essenziale di rosa consentono alla pelle di mantenersi elastica, tonica e giovanile, rallentando la formazione delle rughe. Aiuta le cellule, insieme al collagene, a preservare il tono cutaneo.
Grazie agli acidi grassi essenziali, che si aggiungono all’acido Transretinoico (isomero della Vitamina A, di cui è provato l’effetto ringiovanente sull’epidermide), l’olio di rosa mosqueta è particolarmente efficace nel trattamento delle cicatrici (leviga fino ad eliminarle in taluni casi), delle smagliature (attenua quelle recenti, di colore rosato), delle scottature solari, delle macchie di vecchiaia, sulla pelle secca e sciupata, nella rigenerazione dei capelli.

Conclusioni

La vasta gamma di attivi disponibili sul mercato ha consentito ai ricercatori di allestire nuove formulazioni cosmetiche ad ampio spettro così da soddisfare tutte le tipologie cutanee e dunque la maggior parte delle esigente mosse dai clienti. L’efficacia comprovata delle maschere ha segnato un notevole passo avanti nel trattamento degli inestetismi a disposizione di tutte le fasce di età così da rendere tale forma cosmetica sempre utile e consigliabile.