• Categoria dell'articolo:Blog

IL PERIODO GIUSTO PER LA DERMOABRASIONE

La dermoabrasione è un intervento chirurgico superficiale che consente di migliorare le irregolarità della pelle attraverso il livellamento dello strato…

La dermoabrasione è un intervento chirurgico superficiale che consente di migliorare le irregolarità della pelle attraverso il livellamento dello strato superficiale della cute. Questa dermoabrasione di pertinenza medica necessita di anestesia e di 8 giorni di bendaggio.
Ispirandosi a tale metodica, il dott. Pittoni ha sviluppato un’apparecchiatura che permette una dermoabrasione più leggera ma nello stesso tempo molto efficace (nulla a che vedere con la micro-dermoabrasione già presente in ambito estetico). Questa tecnologia, utiliz­zando frese diamantate sterili e di diversa dimensione e granulometria, è in grado di abradere ed asportare lo strato superficiale dell’epidermide. Grazie all’effetto vacuum si modula e calibra perfettamente la pressione esercitata dall’operatore, ottenendo, quindi, un’abrasione omogenea. Lo stesso vacuum consente, inoltre, l’aspirazione diretta delle cellule cutanee morte.

Il trattamento, levigando la superficie cutanea, distende le piccole rughe, migliora le cicatrici da acne o varicella, riduce le imperfezioni della pelle come smagliature e ispessimenti, favorendo al contempo la neo-produzione di collagene ed elastina.
L’effetto dell’abrasione, in termini di spessore di epidermide rimossa, dipende dal numero di passaggi; dallo spessore della grana diamantata applicata; dalla pressione selezionata della funzione vacuum. Va considerato che lo spessore dell’epidermide varia da persona a persona ed è differente nelle diverse aree del volto.

Dopo il trattamento si consiglia l’uso di opportuni prodotti di pro­tezione solare e di evitare comunque l’esposizione solare o a lampade UV per almeno tre settimane.